News

03/10/2017

OTTOBRE ROSA: I 10 CONSIGLI DELLA NUTRIZIONISTA

Prevenire i tumori anche attraverso una sana alimentazione.La Dr.ssa Francesca Vigevano ci spiega come



LA DR.SSA FRANCESCA VIGEVANO, NUTRIZIONISTA DAL CAMPUS BIOMEDICO, CI INFORMA.

Il cancro è una malattia multifattoriale, che origina perciò dalla coesistenza di diversi fattori.  Tali fattori possono fra di loro formare una sorta di insidiosa “combinazione”, che in alcuni casi può diventare una minaccia per il mantenimento del nostro stato di salute.

Tali fattori sono rappresentati dalla genetica di ognuno di noi e dall'ambiente.

Per ambiente si intende non solo ciò che ci circonda, ma ci si riferisce anche all’ambiente in cui ognuno di noi decide di far vivere il proprio corpo. Quindi ecco che non solo diventa importante quanto verde sia l’area in cui viviamo e quanto pulita l’aria che respiriamo, ma diventa importante anche ciò di cui ci nutriamo!

L’alimentazione gioca un ruolo fondamentale, proprio perché rientra in tutto quel “sistema ambiente” che, interagendo con la genetica, definisce il nostro stato di salute. Se è pur vero che alcuni fattori ambientali non sono modificabili, l’alimentazione non rientra fra questi.

Con pochi piccoli accorgimenti è possibile limitare l’assunzione di sostanze nocive che potrebbero essere introdotte attraverso i cibi e migliorare la propria alimentazione per mantenere un buono stato di salute.  

Queste le 10 regole di base da seguire ogni giorno.

Nell’alimentazione quotidiana:
1) Consumare almeno 2 porzioni di frutta e verdura ogni giorno;
2) Non esagerare con il consumo di latte e derivati;
3) Limitare il consumo di alimenti affumicati , fritti o cotti alla brace;
4) Limitare il consumo di alcol a 5-7 g/die (mezzo bicchiere di vino o mezza bottiglia di birra da 33 cl)

Al supermercato:
5) Non comprare sempre lo stesso prodotto della stessa marca: un prodotto “non di marca” non è necessariamente “meno buono” ma con buone probabilità conterrà una quota/tipologia differente di conservanti. Variare il brand del prodotto acquistato riduce la probabilità di un introito costante di queste sostanze;
6) Non acquistare verdura a foglia larga di dubbia provenienza (particolare attenzione se la zona di provenienza è una zona notoriamente inquinata);

A casa, quando si cucina:
7) Non utilizzare padelle antiaderenti o contenitori di plastica usurati;
8) Quando si cucina la carne è meglio rimuovere il grasso, il quale tende a bruciare più rapidamente rilasciando sostanze cancerogene come gli IPA (Idrocarburi Policiclici Aromatici);
9) Evitare di bruciare i cibi durante la cottura (per la carne sarebbe preferibile aumentare il tempo riducendo la temperatura di cottura);
10) Per friggere, preferire olii vegetali a elevato punto di fumo: olio extravergine di oliva ( 210°) olio di arachide (180°) olio di semi di mais (160°) olio di semi di girasole (< 130°).

DAL 2010 AFRON E' IMPEGNATA A GARANTIRE ALLE DONNE UGANDESI L'ACCESSO A PROGRAMMI DI SENSIBILIZZAZIONE E SCREENING. 

PERCHE' LA PREVENZIONE E' VITA, ANCHE PER LORO.

REGALA UN PAP TEST ED UNA VISITA AL SENO AD UNA DONNA UGANDESE

DONA ORA: www.afron.org/it/sostienici/dona-ora

 

Torna alle News