News

06/10/2017

OTTOBRE ROSA: I 10 CONSIGLI DELL'ONCOLOGA

Prevenire alcuni tumori è possibile. La Dr.ssa Antonella Savarese, Oncologa dell'Istituto dei Tumori "Regina Elena" di Roma ci informa



LA DR.SSA ANTONELLA SAVARESE, ONCOLOGA PRESSO L'ISTITUTO DEI TUMORI "REGINA ELENA" DI ROMA E SOCIO FONDATORE DI AFRON, CI SPIEGA LE 10 REGOLE DA ADOTTARE PER PREVENIRE I TUMORI.

Nell’attività quotidiana:
1) Scegliere un’alimentazione basata sulla dieta mediterranea;
2) Svolgere attività fisica moderata per almeno mezz’ora al giorno (camminata veloce) per almeno 5 giorni a settimana;
3) Abolire il fumo; Limitare il consumo di alcol a 5-7 g/die (mezzo bicchiere di vino o mezza bottiglia di birra da 33 cl);
4) Evitare il sovrappeso, e mantenere in proprio indice di massa corporea intorno a 25 (meglio 21-23);

Scelte in ambito terapeutico:
5) In età fertile non rinunciare alla piccola anticoncezionale, ma utilizzare quelle a basso dosaggio;
6) Dopo la menopausa non  utilizzare terapia ormonale sostitutiva a oltranza. Benchè non ci siano dati certi, oltre i 5 anni di utilizzo la terapia sostitutiva non dovrebbe essere raccomandata;
7) Gli integratori alimentari contengono micronutrienti che possono essere assunti con una dieta equilibrata. La regola “di più è meglio” non vale, fatevi consigliare dal medico;

Gli esami di prevenzione secondaria:
8) Rispondere sempre all’invito di screening che la ASL invia a casa; la RX mammografia può diagnosticare un tumore in fase molto iniziale e quindi guaribile nella quasi totalità dei casi. In Italia poco più della metà delle donne tra 50-69 anni risponde allo screening gratuito! Ottobre Rosa amplia gratuitamente l’accesso allo screening tra i 45-49 anni , chiedete informazioni alla vostra ASL o agli oltre 45 centri regionali che aderiscono all’iniziativa;
9) Se si ha una storia familiare di tumore al  seno e/o alle ovaie richiedere una visita di consulenza oncogenetica per verificare se si appartiene ad una famiglia a maggior rischio di ammalare. In questo caso il medico prescriverà misure di prevenzione adatte al proprio rischio genetico;
10) Abituarsi ad effettuare costantemente l’autopalpazione. Non è un metodo scientifico, ma può aiutare a riconoscere modificazioni insorte nel tessuto mammario .

DAL 2010 AFRON E' IMPEGNATA A GARANTIRE ALLE DONNE UGANDESI L'ACCESSO A PROGRAMMI DI SENSIBILIZZAZIONE E SCREENING.
 
PERCHE' LA PREVENZIONE E' VITA, ANCHE PER LORO.
 
REGALA UN PAP TEST ED UNA VISITA AL SENO AD UNA DONNA UGANDESE
 

Torna alle News